Nel bosco dell’Appennino alla ricerca dei suoi preziosi frutti

frutti-di-bosco

Ricchi di preziose sostanze benefiche per l’organismo, possiamo trovare i frutti di bosco nel sottobosco di splendidi luoghi. Sulle loro tracce ci mettiamo in cammino nel Parco dell’Appennino Tosco – Emiliano, al Lago Scaffaiolo.

Montagna e collina in estate ci offrono ristoro con un clima mite e paesaggi rigogliosi. Un semplice itinerario sui colli può rivelarsi molto piacevole e salutare, non solo perché camminare all’aria aperta fa bene, ma anche perché è l’occasione per divertirsi a raccogliere e ad assaporare i deliziosi frutti di bosco, presenti allo stato spontaneo nella flora di tutta la zona montana e collinare d’Italia. Sono i preziosi frutti che ci regala l’Appennino alla fine dell’estate, quando le piante restituiscono tutto il calore raccolto dal sole nei mesi precedenti e le bacche lucide e colorate fanno capolino sotto le foglie. Immergiamoci nel Parco Nazionale dell’Appennino Tosco – Emiliano e divertiamoci insieme ai bambini a raccogliere more, lamponi, mirtilli, fragoline, ribes rosso e ribes nero nel sottobosco. 

Ma prima di metterci in cammino, scopriamo alcune delle straordinarie qualità dei frutti di bosco…

I benefici dei frutti di bosco

I frutti di bosco contengono sostanze molto importanti dal punto di vista nutrizionale, in primis polifenoli, antiossidanti e molte vitamine. 

  • Prevengono le infiammazioni, hanno proprietà antivirali.
  • Contrastano l’invecchiamento, grazie alla ricchezza di polifenoli che arginano i i danni causati dai radicali liberi.
  • Migliorano le capacità cognitive e la memoria, contrastano gli effetti negativi dell’invecchiamento sulla mente e sul sistema nervoso, riducono il rischio di Alzheimer. 
  • Apportano acido folico, una sostanza indispensabile in gravidanza, importante per gli adulti in tutte le fasi della vita. 
  • I mirtilli in particolare proteggono le pareti dei vasi sanguigni dai depositi che rischiano di indurirli, con azione benefica sul microcircolo e sul cuore. 
  • Recenti ricerche hanno confermato che i frutti di bosco possono contribuire a prevenire sindrome metaboliche, diabete, ictus.
Andar per boschi nel Parco Nazionale dell’Appennino Tosco – Emiliano

In estate i boschi dell’Appennino Tosco – Emiliano si presentano al massimo del loro rigoglio vegetativo con uno splendido panorama caratterizzato da varie tonalità di verde e a fine estate fragole, lamponi, more e mirtilli si possono raccogliere ai bordi dei sentieri e delle mulattiere. 

Facciamo una gita sul Corno alle Scale, verso il Lago Scaffaiolo (nel Comune di Fanano, in Provincia di Modena).  Dal  paese di Cutigliano (10 km dall’Abetone, in Toscana) si prende una funivia per la stazione sciistica della Doganaccia, oppure si raggiunge in auto.

Il sentiero dei frutti di bosco del Lago Scaffaiolo

Sul sentiero del Lago Scaffaiolo ci stupisce l’immensa quantità di mirtilli e lamponi. Le strade e i sentieri nei boschi sono fiancheggiate da piante piene di rosse fragole, bacche di lampone, i crinali sono ricoperti da tappeti verdi che nascondono miriadi di piccoli mirtilli blu.

Il Lago Scaffaiolo si mostra all’improvviso come un largo specchio d’acqua montano incastonato tra verdi poggi.  E’  un lago particolare, senza emissari, popolato soltanto da una miriade di girini. I bambini rimarranno stupiti dai misteri e dalle leggende legate al lago Scaffaiolo.

Lago Scaffaiolo
Lago Scaffaiolo

Per saperne di più sugli itinerari nel Parco dell’Appennino Tosco – Emiliano vai su Sentieri di Cioccolatahttps://bit.ly/2lzvaCP

GRAZIE A:

Sentieri di Cioccolata www.sentieridicioccolata.it

La Fondazione Vita e Salute è un’organizzazione che progetta sviluppa e produce forme di sensibilizzazione nei confronti di una visione integrale, pulita e positiva del mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *